libro enrico gurioli venti

A cena con Enrico Gurioli alla Cà Ridolfi

Con Enrico Gurioli riparte la stagione di “A cena specialmente”: serate a tema a casa delle nostre azdore romagnole per conoscere luoghi incantevoli e personaggi di grande cultura.

Venerdì 24 luglio alle ore 20 toccherà ad Enrico Gurioli, autore – tra gli altri libri – del “Piccolo libro dei venti“, di cui già a febbraio vi avevamo annunciato l’uscita e la presentazione ufficiale a Bologna, allietare la nostra serata all’agriturismo Cà Ridolfi.

Nel presentare il libro “Piccolo libro dei venti”, Enrico ci disse che “Il vento non è solo un fenomeno atmosferico. È un mistero che interroga l’uomo da sempre, è il respiro vitale su cui si fondano leggende e cosmogonie, motore invisibile della storia” e ancora “Con il piccolo libro dei venti offro la mia particolare visione del vento, arricchendola con informazioni curiose, storie poco note e suggestioni liriche, ricostruendo i piccoli e grandi eventi di cui è stato protagonista da tempi di Omero ai nostri giorni”

Il cibo, il mare e il vento: quale sarà il filo conduttore?

Enrico Gurioli ci insegna che i venti portano storie, tradizioni e significati simbolici… anche a tavola. Il menù della serata, infatti, sarà pienamente in linea con quanto leggerete nel suo libro “Il mare in cucina” scritto a quattro mani con Alessandro Molinari Pradelli: da un semplice risotto con le poverazze fino alla Midye Pilakisi (cioè un’ottima zuppa di cozze). Da non dimenticare la piadina e l’aperitivo nel giardino.

Enrico Gurioli a cena specialmente Cà Ridolfi

Ecco allora il connubbio tra il cibo, il vento e il mare: tre elementi che insieme raccontano una storia che Enrico Gurioli ci spiegherà seduti alla tavola preparata dalle sapienti mani dell’azdora Gianna.

Cosa organizziamo alla Festa Artusiana

Ormai vi abbiamo abituati bene e sapete che la nostra associazione è sempre in movimento: dopo la Fiera del Santerno e la notte di San Giovanni, oggi vi parliamo di una delle feste più importanti del nostra territorio: la Festa Artusiana di Forlimpopoli.

Cosa abbiamo organizzato per voi in questa bellissima arena della Festa Artusiana?

LA METAMORFOSI DEL CIBO ROMAGNOLO

Che cosa c’è di più bello (e buono) della cucina romagnola? Delle ricette che hanno un sapore antico e una storia che si differenzia di casa in casa. Quello che vi proponiamo è un viaggio fotografico alla scoperta della cucina romagnola, quella vera della mamma, quella che ogni tanto è diversa dai libri di cucina perchè ha quell’ingrediente segreto che “sa di casa nostra”. La mostra è curata dal nostro amico e fotografo Mirco Villa. Luogo: Rocca, Camminamenti, lato Piazza Pompilio.FestaArtusiana_metamorfosiCibo

RITRATTI CONTADINI

Ricordate il servizio fotografico realizzato la scorsa estate da Mirco Villa? [qui le foto del backstage] Con orgoglio vi mostriamo le nostre aziende agricole in 21 ritratti d’autore. Luogo: Rocca, Camminamenti, lato Piazza Trieste. Ingresso Piazza Pompilio.

FestaArtusiana_RitrattiContadini

 

TRADIZIONI ROMAGNOLE…. LEGAMI CON LA CULTURA DEL TERRITORIO

Esposizione di 25 disegni che parlano dei mestieri delle nostre famiglie contadine fedelmente riprodotte dall’illustratore Daniele Rendo. Insieme ai disegni ci saranno anche le riproduzioni originali dei Luneri di Smembar. Luogo: Rocca, Sala Mostre.

FestaArtusiana_LegamiTradizione

 

ANTEPRIMA DELL’E-BOOK VIE D’ACQUA E DI SAPORI

Al Teatro Verdi di Cesena alle ore 21 di Venerdì 26 giugno partiremo per un viaggio lungo fiumi e torrenti romagnoli con l’obiettivo di riscoprire cibi creati dalla mani dei contadini attraverso le materie prime delle aziende locali.

FestaArtusiana_presentazioneViedacquaesapori

 

Vi aspettiamo!

Il 23 giugno è la notte magica di San Giovanni

La notte di San Giovanni torna a rivivere nella nostra associazione! Si rinnova il nostro appuntamento con la notte più corta dell’anno, quella del 23 giugno in occasione di San Giovanni. Tradizioni e ricette che accompagniamo a modo nostro: nell’aia parleremo di erbe e piante spontanee e a tavola ci faremo viziare dalle sapienti mani delle nostre azdore con piadina, braciole, tagliatelle e fiorentine, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino.

Non mancherà il nocino, liquore protagonista da sempre della notte di San Giovanni, con laboratori ad hoc e degustazioni.

Il programma è molto denso, come al solito, e adatto a tutti: lo potete scaricare dal nostro sito (qui) e scegliere in completa autonomia come vorrete trascorrere questa bella giornata/serata che saluterà la primavera per abbracciare l’estate.

Sarete dei nostri? Iscrivetevi direttamente dalla nostra pagina Facebook!