Domenica 23 giugno torna la notte magica di mezza estate con la Guazza di San Giovanni.

Il Lavoro dei Contadini, sempre e più che mai, nello spirito di mantenere viva la memoria delle nostre tradizioni, propone l’evento che si svolge la sera tra il 23 e il 24 giugno, momento nel quale il rito pagano (solstizio di estate) si incontra e si fonde con la cultura cristiana (nascita di San Giovanni); è credenza popolare che in questa fase solstiziale dell’anno, le streghe fossero solite darsi convegno in questa notte attorno ad un antichissimo albero di noce, e con i frutti di questi alberi stregati, colti ancora verdi e madidi di rugiada nella notte di San Giovanni, si preparava il “nocino”, liquore ottenuto con i malli verdi delle noci. Durante la notte era uso passeggiare a piedi nudi nei prati bagnati dalla rugiada allo scopo di favorire la fecondità e allontanare le malattie.

SCARICA IL PROGRAMMA 2024

Ma alla vigilia di San Giovanni, si preparano anche bacinelle d’acqua riempita con fiori, erbe quali iperico (Erba di San Giovanni), lavanda, artemisia, salvia, malva, menta e altre erbe e fiori spontanei. La guazza della notte la rende magica e la mattina seguente quest’acqua si usava per lavarsi il viso e mani, in una sorta di rituale propiziatorio e di purificazione per assicurarsi amore, fortuna e salute. Infiniti quindi i rituali in questa notte magica!

L’EDIZIONE 2024 ALL’INSEGNA DELLA MENTHA PIPERITA

L’erba scelta per questa edizione della Notte di San Giovanni è la Mentha Piperita, una specie appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Si tratta di un ibrido naturale tra la Mentha aquatica e la Mentha spicata.

Guazza di san giovanni 2024
Mentha Piperita

La pianta è originaria dell’Europa e la coltivazione è diffusa in tutto il mondo. E’ un’erbacea perenne, stolonifera, fortemente aromatica. Alta circa 70 cm, con steli eretti e radici rizomatose, si riconosce oltre he per il profumo dalle foglie, opposte, semplici, lanceolate e ricoperte di una leggera peluria di colore verde brillante. I fiori sono raccolti in cime terminali, coniche, che fioriscono a partire dal basso verso l’alto. I singoli fiori sono piccoli, di colore bianco, rosa o viola. La raccolta della menta viene fatta quando la pianta è completamente fiorita e portata nelle apposite distillerie, mentre per l’uso domestico può essere essiccata in luogo fresco e arieggiato. Della piperita viene utilizzata l’essenza nella preparazione di bevande e prodotti dolciari. Nell’industria farmaceutica è valorizzata come aromatizzante (collutori, dentifrici, tisane); ha proprietà antinevralgiche e decongestionanti delle prime vie aeree.

Il Lavoro dei Contadini anche con questo evento intende promuovere prodotti, cibo e ospitalità, coniugandoli con la Tradizione della Romagna.

SCARICA IL PROGRAMMA 2024

Ogni impresa agricola ospiterà altre aziende agricole, artigiani, scrittori e giornalisti per parlare della tradizione e dei riti della Notte di San Giovanni, quali il rito di bagnarsi i piedi nella rugiada per allontanare i pericoli, la raccolta e il riconoscimento delle erbe di campo, la preparazione del nocino

RINGRAZIAMENTI

L’iniziativa “La guazza ad San Zvan” è organizzata grazie anche al contributo dei Comuni di Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese e Riolo Terme e la collaborazione con “Il Lavoro dei Contadini in Romagna – Comunità Slow Food”, “Slow Food Godo e Bassa Romagna” e “IF Imola Faenza Tourism Company”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto − 4 =