La ciliegia: un po’ di storia e le sue varietà

La pianta del ciliegio si divide in due specie distinte: a frutto dolce e a frutto acido; può raggiungere i 20 metri di altezza e in primavera si copre di bellissimi fiori bianchi. I frutti presentano forma arrotondata, consistenza carnosa e succosa, buccia liscia, lucida e sottile di colore variabile. Il ciliegio dolce produce due tipi di frutti diversi: la ciliegie duracina (i duroni!) e la ciliegia tenerina, la cui raccolta comincia a metà maggio, fino al principio di giugno.

La ciliegia in cucina

Le ciliegie si possono usare crude al naturale, aggiunte alla macedonia, a sorbetti, gelati e budini. Con le ciliegie si producono sciroppi, marmellate, succhi, mostarde, vini e acquaviti (come il Maraschino e il Ratafià).

La Ricetta: Torta di ciliegie

Ingredienti: 500 gr di ciliegie, 30g di liquore Maraschini, 1 limone succo e scorza, 120 gr di zucchero, 50 gr di burro morbido, 3 uova, 130 gr di farina tipo 00, 2 cucchiaini di lievito vanigliato

Preparazione: mettere le ciliegie in una ciotola, irrorare con il liquore e lasciare riposare. Nel frattempo, grattugiate il limone, unitelo allo zucchero, aggiungete il burro morbido e lavorate il composto. Unite le uova, il succo di limone, la farina e il lievito. Aggiungete le ciliegie con tutto il liquore e mescolate con una spatola. Mettete il composto in una tortiera e infarinate. Infornate a 180° per circa 30 minuti.

ciliegia crostata ricetta
Foto di http://www.tavolartegusto.it/2015/06/27/crostata-di-ciliegie/

Le proprietà della ciliegia

Secondo la tradizione giapponese la ciliegia è simbolo di prosperità. E’ fonte di polifenoli antiossidanti, vitamine (A, C e del gruppo B), fosforo, magnesio e potassio. La ciliegia selvatica possiede proprietà diuretiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − dieci =