Cotogno e Pera Volpina

Melo cotogno: un frutto dal sapore greco-romano

Il melo cotogno: un po’ di storia e il suo utilizzo in cucina

E’ un piccolo albero originario dell’area che va dall’Asia Minore fino alla Cina la cui coltivazione era nota in epoca greca e romana: ne abbiamo testimonianza in alcuni antichi affreschi di Pompei.

Frutto ricco di proteine, potete utilizzarlo come addensatore nelle marmellate e nella produzione di mostarde, gelatina cotognata, confetture, gelati, liquori e distillati.

La ricetta: conserva di melo cotogno

Ingredienti:1 kg di mele cotogne, 300 gr di zucchero, 2 limoni succo e scorza

Preparazione: tagliate le mele cotogne a fettine sottili e mettetele in una pentola con un bicchiere di acqua e il limone. Fatele cuocere coperte. Passatele, poi, nel passaverdura, e aggiungete lo zucchero se gradite una conserva fine. Rimettete sul fuoco per circa un’ora, fino a che non si addensa.

ricette melo cotogno

foto di ricette di campagna

Il melo cotogno è utilizzato anche per la preparazione dei savor:

leggi la nostra ricetta!

Curiosità e proprietà del melo cotogno

Nei riti matrimoniali era il frutto che non poteva mancare perchè considerato di buon auspicio e fecondità. Il nome attribuito all’albero, “Kidonia“, indica la città di Creta dalla quale i Greci hanno importato il cotogno nel VII secolo a.C. In tempi antichi, era anche utilizzato come profuma biancheria.

E’ il frutto ideale per chi ha difficoltà a digerire: grazie alla numerosa presenza dei tannini, il cotogno si distingue per le sue capacità astringenti e anti-infiammatorie oltre che antibatteriche.

You may also like

Leave a comment

20 − seven =