I sermoni di Natale

Scopriamo insieme una tradizione antica, quella dei sermoni di Natale, che anche in Romagna ha vecchie radici.

I SERMONI DI NATALE

Il Natale è quella festa che tutti noi, grandi e piccini, attendiamo  con allegra trepidazione.

I sermoni sono, di fatto, poesie di pochi versi o filastrocche a tema religioso o morale riferite all’evento natalizio.

Per tradizione, anche in Romagna, i “sermoni” venivano recitati a casa o nelle chiese, davanti al presepe, dai bambini che promettevano a mamma e babbo di fare i bravi.

La nascita della recita dei sermoni di fronte al Bambino Gesù viene fatta risalire a San Francesco che nel 1223, in provincia di Rieti, organizzò quello che può essere definito il primo presepe.

La recita dei sermoni, in dialetto romagnolo, era molto diffusa in Romagna. Oggi purtroppo la tradizione è venuta un meno.

Non non vogliamo rinunciare alla possibilità di regalarvi la possibilità di riproporre in casa un sermone di Natale in dialetto romagnolo.

Ecco allora il sermone “Bell babin sora la paja” in romagnolo e in italiano (per i meno avvezzi al dialetto).

SERMONI DI NATALE IN DIALETTO ROMAGNOLO

Bell babin sora la paja

Bell babin sora la paja/ in cla ca senza muraja/t’an’e’ sent che fa friscot?/E me invezi a jò e’ capot./

Bell babin, dim e’ parchè/ t’an se ned t’na cà da Re,/mentr’aquà, senza calor/t’at guadagn un bel fardor?/Um fa spezi la Madona/tanta bela e tanta bona:/us ved propi, la purena/ch’lan ha atrôv ‘na maiulena./San Jusèff dgì sò, cum èla,/Vò a javì cla caparela,/mo che pòvar anzulin/un ha êt che un camisin!/U m’a det Tugnì: – C’sa dit?/che babin u n’à bsogn d’gnit!/E’ vô sol un pô d’amór/ch’l’è par lo, mei de calor!/Bel babin, s’l’è tot aquè/ quel ch’avlì nenca da me,/ av prumet dnenz a tot quent/ch’av voj fê propi cuntent;/ ubidient a bab e mâma,/par tnì apiê sempar la fiâma:/una fiama ad grand amor/sol par Vò ch’a si e’ Signor.

 

Bel Bambino sulla paglia

Bel bambino sulla paglia/in quella casa senza muri/non senti che freddolino?/Io invece ho il cappotto./Bel bambino dimmi perché/non sei nato in dimore da Re/mentre qua senza calore,/ti rimedi un raffreddore?/Mi meraviglio della Madonna/così bella e tanto buona:/si vede proprio poverina/che non ha trovato una magliettina./San Giuseppe, dite un po’, ma com’è/voi avete quel mantello/ma questo povero angiolino/ha soltanto un camicino/Mi ha detto Tonio: “ma che dici!?/Quel bambino non ha bisogno di niente!/Vuol  soltanto un po’ d’ amore/che per lui è meglio del calore”/Bel bambino, se è tutto qua/ciò che volete anche da me/vi prometto innanzi a tutti quanti/che voglio farvi proprio contento:/ubbidiente a babbo e a mamma,/per tenere accesa sempre la fiamma:/una fiamma di grande amore/solo per voi che siete il Signore.

Questo testo è un omaggio al celebre Tommaso Masì Piazza (leggi di più)

Ti potrebbe interessare:

Le frittelle dolci di riso: la ricetta nel giorno di San Pietro e Paolo

Le frittelle dolci di riso sono un dolce tipico delle tavole romagnole di inizio 900: nelle famiglie ravennati di quel […]

Read More
ricetta frittelle di aspearagi

La ricetta di San Giovanni: le frittelle di asparagi

Un semplice piatto che anche le azdore (e i mariti soprattutto) meno esperte possono provare per cimentarsi in cucina: vi proponiamo […]

Read More

 

You may also like

Leave a comment

one × one =