Ortaggi di stagione: il broccolo

Fra gli ortaggi autunnali, uno dei più conosciuti è certamente il cavolo.

Oggi parleremo in particolare del cavolo broccolo perché una nostra associata di Faenza, Manuela Palombi, ne ha raccolto uno maxi da 2,230 chili da una piantina che ha prodotto da seme Alvaro Bartolini, un altro nostro socio. Considerate che il peso medio di un broccolo è circa un chilogrammo!

broccolo

Il broccolo da 2,230kg di Manuela Palombi

CARATTERISTICHE DEL BROCCOLO

È originario dell’Asia minore ma, fin dall’antichità, è stato oggetto di coltivazione greca e poi anche italica. Il broccolo è un fiore commestibile della pianta erbacea Brassica Oleracea L., varietà italica, appartenente alla famiglia delle Crucifere. La differenza saliente tra cavolfiore e cavolo-broccolo è nell’infiorescenza, bianca e compatta nel primo, verde e più frastagliata nel secondo.

COLTIVAZIONE

La semina avviene con gli ultimi giorni di aprile ed in maggio/giugno, con le piantine distanziate circa di 50 centimetri l’una dall’altra. Anche dopo aver reciso il fiore, la pianta continua a produrne per tutto l’arco della stagione.

VALORI NUTRIZIONALI

Il broccolo è composto da acqua per circa il 90% e ha un bassissimo contenuto di zuccheri e grassi, ma è ricco di sali minerali, come zolfo, potassio, fosforo, calcio e magnesio. Come tutti i cavoli è ricchissimo di vitamina B, K, acido folico e vitamina C che rende facilmente assorbibile anche la vitamina A a seconda della varietà, infatti, 100 grammi di cavolo apportano circa 2,5 grammi di fibre vegetali e minerali.

I broccoli sono anche una fonte eccelsa di fibra alimentare, utilissima per l’aumento della sazietà, per la prevenzione e la riduzione sintomatologica della stipsi, per la modulazione dell’assorbimento glicidico, come prebiotico e per la riduzione dell’assorbimento del colesterolo.

IL BROCCOLO IN CUCINA

Si tratta di ortaggi molto versatili in cucina. I broccoli possono essere bolliti, cotti a vapore, gratinati al forno, in vellutata, sformati, saltati con altri ingredienti, come sugo di accompagnamento, in minestrone ecc.

Una curiosità: i broccoli sono ottimi anche mangiati crudi, affettati sottilmente e conditi con limone, sale e olio extravergine d’oliva. Nell’antica Roma erano consumati come antipasto perché si riteneva che potessero essere utili per reggere meglio il vino bevuto durante le libagioni.

Cippo in memoria di Nino Tini

Cippo in memoria di Nino Tini

Inaugurato a Oriolo il cippo in memoria dell’agricoltore e poeta Nino Tini

Cippo in memoria di Nino Tini

Nino Tini in una foto di Mirco Villa

Lo scorso 6 novembre, il Sindaco di Faenza Massimo Isola, ha inaugurato a Oriolo un’installazione dedicata alla memoria di Nino Tini, agricoltore e poeta, voluta dagli amici dell’Associazione “Torre di Oriolo”, rappresentata per l’ occasione dal Presidente Mauro Altini. A fare gli onori di casa, la moglie di Nino, Bianca Rosa. Fra le tante persone presenti, la Consigliera regionale Manuela Rontini e l’ ex Sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi.

Cippo in memoria di Nino Tini

Il cippo in memoria di Nino Tini

Nino ci ha lasciato nel gennaio del 2018, all’età di 84 anni. Ha sempre coinvolto nella sua vita tutto e tutti e vorremmo ricordarlo così:

Quando come docente di pratiche agricole delle Istituto professionale di Persolino, sia a Faenza che a Bagnacavallo, girava nelle campagne della Romagna, famiglia per famiglia, non solo per insegnare le tecniche agronomiche di vite e fruttiferi, ma soprattutto per formare le persone perché fossero imprenditori agricoli.

Quando ha speso tutto se stesso per la valorizzazione dei vini della Romagna con “l’avventura” della Cantina Provit di Modigliana.

Quando si è “ritirato” nella sua azienda coltivando le viti con amore per produrre un grande vino nel totale rispetto dell’ambiente.

Quando si è immaginato e ha realizzato l’Oasi del Silenzio e il Solarium per far godere e condividere con gli ospiti la bellezza della campagna e il panorama unico di San Mamante e Oriolo.

Quando ha realizzato il Convivio di Monte Piano, per far capire e godere a tutti la bellezza e la magia del luogo, ma più in generale della Romagna, con il buon cibo e una grande capacità di portarlo a tavola, nel rispetto della tradizione della cucina vera delle campagne.

Quando, alla ricerca di alternative di prodotti agricoli tradizionali, pensando soprattutto ai giovani, ha ricostruito la storia della coltura/cultura dell’oro rosso, lo zafferano nelle Terre di Romagna, introducendolo e sperimentandolo con grande successo nella sua azienda (e oggi lo zafferano è una realtà nella Romagna).

Quando ha scoperto e ha proposto la sua anima di poeta vero e concreto, “Poeta della Terra”, come amava definirsi, inventandosi la “Strada delle Poesia”, sei chilometri di poesie sulla natura e sull’ uomo appese sugli alberi che costeggiano la strada che collega San Mamante a Castrocaro, quando poi ha riaperto il “Sentiero dell’ Amore” che conduce alla Torre di Oriolo.

E si potrebbe continuare all’ infinito….

Nino da Oriolo, assieme all’inseparabile moglie Bianca Rosa, è stato anche per Il Lavoro dei Contadini e lo sarà per sempre, un amico, un esempio di ispirazione, correttezza, gentilezza e generosità, un maestro di vita che con il suo inesauribile e contagioso entusiasmo continua a vivere sempre con noi e dentro noi.

Ma senza il suo infinito e a volte “severo” amore per la sua terra, non sarebbe stato il grande uomo che è stato.

Nel rosso calar della sera,

i grilli battono la serenata alla luna.

In fila gli olmi si stagliano in cima al colle,

salutano la mia giornata di lavoro.

Li sento vicini,

vivono nella mia terra,

vivono nel mio sole,

sentono il mio vento,

godiamo del piacere di vivere.

In silenzio mi accompagnano nel mio andare.

Non sono solo, non siamo soli.

Nino da Oriolo

GiovinBacco 2021

“GiovinBacco – Sangiovese in Festa” è la più grande manifestazione enologica dei vini romagnoli, e noi ci siamo!

Dopo la serata inaugurale, oggi sabato 30 ottobre, GiovinBacco 2021 entra nel vivo in quel di Ravenna per concludersi domani. Noi siamo presenti con i nostri produttori agricoli in Piazza Kennedy nello stand de Il Lavoro dei Contadini e all’interno. Nel cortile di Palazzo Rasponi siamo ospiti della Condotta di Ravenna Slow Food dove proponiamo cibo di strada come piadine e piadine farcite con salumi nostrani e dolci di stagione.

GiovinBacco 2021

IL VINO AL GIOVINBACCO 2021

Sono oltre 200 le etichette di vini di Romagna presenti, fra i quali gli immancabili Sangiovese e Albana insieme a tutti gli altri vini dei produttori locali. Le cantine romagnole presenti sono 40 e ai produttori romagnoli si aggiungono in Piazza del Popolo le cantine del Movimento Turismo del Vino e delle Donne del Vino.

CASA SLOW FOOD

A Palazzo Rasponi dalle Teste si tiene “Casa Slow Food”, una degustazione di vini italiani della Guida Slow Wine, di vini dei Vignaioli Contrari e quelli della Slow Wine Coalition e Slow Wine Fair. In più, c’è una nutrita selezione di spumanti made in Romagna.

GLI ORARI

Tutti gli stand per la degustazione del vino aprono alle ore 11 sia sabato 30 sia domenica 31 ottobre. La chiusura è sempre alle ore 23, ma è possibile continuare la consumazione dei tagliandi fino alla mezzanotte presso gli stand di Piazza Garibaldi, dove i sommelier prolungheranno il servizio di mescita.

ACCESSO E GREEN PASS

A GiovinBacco 2021 l’ingresso è libero ma serve il Green Pass. L’accesso a Palazzo Rasponi dalle Teste è possibile solo dopo il controllo del Green Pass e con la prenotazione online. Alla biglietteria accanto alla porta d’ingresso del Palazzo è possibile acquistare i carnet se vi sono ancora posti disponibili.

Per gli assaggi di vino sono a disposizione carnet di tagliandi per le degustazioni che si acquistano online oppure in Piazza del Popolo, in Piazza Garibaldi e in Piazza Kennedy.

Anche quest’anno è possibile acquistare i carnet degustazione vino in prevendita allo IAT di Piazza San Francesco a Ravenna oppure online sul sito www.ravennaexperience.it.

Le consumazioni del cibo di strada si acquistano presso i singoli stand o i chioschi e gli acquisti alle bancarelle del mercato agricolo e artigianale si fanno direttamente al banco vendita.

Vi aspettiamo!